Most Popular


Piano Classes Pune - Benefits of Learning Music
Taking part in piano can belearned by several strategies. Self taught by copying others and generallyworking out tunes. This is ... ...



Barcone con 450 immigrati: l'ira di Salvini, 'nuovo scontro Roma-Malta

Rated: , 0 Comments
Total hits: 4
Posted on: 07/13/18
La risposta del governo Conte Ŕ stata unanime. Del barcone partito dalla Libia con a bordo 450 immigrati deve farsi carico Malta. Questa volta non Ŕ solo Matteo Salvini a sbarrare l'ingresso ai porti italiani. Con la stessa fermezza sono, infatti, intervenuti prima il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, poi il titolare delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Ma dalla Valletta il portavoce dell'esecutivo, Kurt Farrugia, fa capire senza troppi giri di parole che le autoritÓ maltesi non si faranno carico dell'ennesima carretta partita dal Nord Africa alla volta dell'Europa. "Abbiamo contattato le persone che si trovavano a bordo, ma ci hanno detto che volevano procedere verso Lampedusa", si Ŕ giustificato creando un nuovo, insanabile scontro con Roma.I nervi sono a fior di pelle. Con Malta che, come al solito, evita di intervenire nel soccorso del barcone sul quale, secondo fonti della Farnesina, navigano "minori con necessitÓ di assistenza urgente". Non appena Salvini Ŕ stato messo al corrente dell'ennesima carretta del mare partito alla volta dell'Italia si Ŕ dimostrato irremovibile. "Come promesso, io non mollo", ha scritto su Facebook chiedendo al governo della Valletta di intervenire dal momento che l'imbarcazione, un barcone di ferro di una ventina di metri, si trovava in acque di competenza di Malta sin da questa mattina. Le ore, per˛, sono passate e dai porti della Valletta non sono partite navi in soccorso dei 450 immigrati che avevano ripreso a navigare in direzione dell'Italia. "Sappiano Malta, gli scafisti e i buonisti di tutta Italia e di tutto il mondo che questo barcone in un porto italiano non pu˛ e non deve arrivare - ha chiarito il ministro degli Interni - abbiamo giÓ dato, ci siamo capiti?". Lo stesso messaggio di chiusura Ŕ arrivato, nel giro di breve dalla Farnesina ("La responsabilitÓ del soccorso al barcone individuato in acque Sar maltesi spetta a Malta e lo sbarco dovrÓ avvenire in territorio maltese") e dal ministero delle Infrastrutture ("Per la legge del mare Ŕ Malta che deve inviare proprie navi e aprire il porto. La nostra Guardia Costiera potrÓ agire, se serve, in supporto, ma Malta faccia subito il suo dovere").Il governo maltese, per˛, non vuole sentir ragioni. "Abbiamo soddisfatto tutti gli obblighi previsti dalle convenzioni internazionali applicabili sul coordinamento degli eventi di ricerca e soccorso", ha chiarito Farrugia parlando con il Times of Malta. "Quando abbiamo ricevuto l'informazione - ha continuato - la nave era a circa 53 miglia nautiche da Lampedusa e 110 miglia nautiche da Malta". Contattate, le persone a bordo avrebbero espresso l'intenzione di procedere verso Lampedusa. "Visto che la nave era in alto mare - ha, quindi, concluso Farrugia - Malta non aveva l'autoritÓ per dargli istruzioni". In realtÓ, in una nota inviata all'ambasciata della Repubblica di Malta a Roma, giÓ alle 04:25 il Maritime Rescue Coordination Center italiano aveva informato la Valletta della presenza di un barcone "in area Sar maltese". Non solo. Alle 06:52 le autoritÓ maltesi avevano poi comunicato "l'assunzione del coordinamento delle operazioni di soccorso e l'invio in area di un mezzo aereo" che, un paio d'ore pi¨ tardi, aveva individuato "l'imbarcazione alla deriva ancora in area Sar maltese". In tutto questo tempo la Valletta non ha mai dislocato in mare le proprie navi.




>>



Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?